Un caso tipico di psicosi sardopatica. Pesco dalle rubriche della Nuova online, Sardinians, di Alberto Mario Delogu. Si cita una nota dichiarazione di Einstein a proposito di crisi, ripresa a sua volta da Renato Soru. E fin qui va bene.

Poi qualcosa scricchiola. La costruzione retorica è abbastanza banale, niente di che, ma senza infamia e senza lode. Ci può stare. Non è quello. No, è che se si torna indietro e si legge meglio si nota che la contestualizzazione e l’ottica soggettiva in cui il tema è inquadrato (la crisi come opportunità da sfruttare) ha al suo centro l’Italia. Il paragone è tra una banca canadese e un “in Italia”. Ossia, presumibilmente, il posto in cui si immagina che si trovino i lettori di questo pezzo.

Però Delogu fa il pistolotto riferendosi a Renato Soru e dunque – se ne dedurrebbe – alla situazione sarda. Invece sta parlando dell’Italia. Come fosse la stessa cosa. Dà evidentemente per scontata questa appartenenza, senza curarsi affatto della sua fondatezza problematica.

La conclusione è conseguente ed esemplare, tipicamente sintomatica della devastante espropriazione di sé stessi subita dai sardi. Facendo il paragone con la reazione alla crisi della sua banca canadese, l’autore del pezzo se n’esce con questa chiosa finale:

Certo, questi saranno pure dei cowboy, ma santiddìo, Rinascimento e Risorgimento li abbiamo inventati noi! Perché lasciare a loro il primato di un colpo di reni, di una rimboccata di maniche, e di uno slancio di creatività?

Rinascimento e Risorgimento li abbiamo inventati noi? Noi chi? I lettori della Nuova? I sardi? I sardi emigrati in Canada? Non è chiaro.

Quel che è chiaro è la tragica (e spesso tragicomica) confusione nella nostra dislocazione storica. Un effetto tipico della colonizzazione mentale e dei processi di acculturazione subiti dai sardi negli ultimi centocinquant’anni. Se la storia serve a situarsi nel tempo e nello spazio, avere interiorizzato una storia diversa dalla propria, da quella della propria gente e del proprio luogo di appartenenza, causa un errore di valutazione e di identificazione. Pensi al tuo passato e vedi il passato di qualcun altro, credendolo il tuo. Invece non lo è.

Dispiace fare questa rivelazione così, in modo sbrigativo e brutale, ma, caro Alberto Mario Delogu e cari lettori della Nuova (e cari sardi tutti), la notizia è che il Rinascimento e il Risorgimento non li abbiamo inventati noi. Noi eravamo impegnati a fare altro, eravamo altrove. Un altrove misterioso e oscurato, ma non inconsistente. E nemmeno ignobile o barbarico. Solo, sconosciuto ai più.

Pensarsi dentro una storia altrui, ignorando la propria, è uno dei più grossi problemi di cui soffrono i sardi contemporanei. Tanto grosso da spiegare in larga misura tutti gli altri. Compresi quelli, oggi così incombenti, di natura economica e sociale. Per risolvere questi è indispensabile risolvere quelli. Non basterà servire the e pasticcini nelle filiali del Banco di Sardegna. L’unica reazione proattiva alla crisi è quella di recuperare noi stessi, la consapevolezza del nostro posto nel mondo, e assumerci la responsabilità della nostra storia. Dopo di che, potremo anche adottare proficuamente l’ottica suggerita da Einstein.


Licenza Creative Commons


Commenti



2 Commenti

  1.    Alberto Mario DeLogu on 18 Gennaio 2012 17:39

    Istimadu Onnis,

    Gratzias de sa consideratzione e de s’interesse pro s’interdiariu meu.

    Sa prima reatzione k’hapo appidu cand’hapo légidu s’articulu tou est istada: “disturbo della personalità” e “psicosi sardopatica” lu naras a sorre tua. Pero, s’ingúlimu a intzugliare illogu de faedhare asseliadu no est cosa ki s’imparet a iscola. Passienzia.

    Sa segunda reatzione est istada: ma proite custos cummentos e custos zùdigos no mi ke los ponet in s’interdiariu meu, comente soe fatende deo in su sou? E cussu puru ja si cumprendet: menzus trazare su sirbone catzadu in sa piatza de ‘idda nostra, illogu ‘e andare a fagher braja isparende a kelu in bidda anzena.

    Sa reatzion’ ‘e tres est istada: ma proite unu ki kistionat de “devastante espropriazione di sé (sic) stessi”, de “colonizzazione mentale” e de “processi di acculturazione subiti dai sardi” lu depet narrer pro fortza in sa limba de s’espropriadore e de su colonizadore? Deo dia isperare a su mancu ki su fusile contra a sos italianos siat carrigadu a ballas sardas. No a pallottole italiane. O no ti paret?

    Ma faedhemus de sustantzia. Faedhemus de historia. Faghet kentukimbant’annos ki sa Sardinnia leat parte a s’historia de s’Italia. Deo (e tue) semus naskidos in Sardinnia, Italia, Europa. Custa est s’identidade nostra in su 2012. Si narat “identidade apizada” (ital: identità stratificata), e mescamente sos disterrados ke a mie, custu lu cumprendent bene meda. (Sos sardos de Sardinnia? No tantu.)
    Semus sardos, italianos, europeos e tzitadinos de su mundu. Custu est su “noi stessi”, custu est su “nostro posto nel mondo”.
    No est unu “disturbo della personalità”. Sa paranoia allofoba, cussu emmo. Sa manía de persecutzione, cussu puru. Ma s’identidade apizada, no creo. Est sa conditzione normale de sa meidade de su mundu. A ojos.
    E meda innantis de “assumerci la responsabilità della nostra storia”, proite no comintzamus a nos leare sa responsabilidade de s’iscura de cussa tzia nostra irbandhonada e ibbirgonzada ki si narat limba sarda?

    Gratzias de s’acullozu.

    Berteddu ‘e Logu

  2.    Omar Onnis on 18 Gennaio 2012 18:06

    So cuntentu meda chi as arrespostu inoghe, Alberto Mario. Deo apo acatadu su testu tuo in su zassu online de sa Nuova e l’apo leadu che a un’esempru de una sindrome chi no est tua e bia, ma de medas sardos. Non ti depes arrenegare pro custu, non tenzo nudda contra a tie. No est unu arresonu personale. Ispero chi nessi custu siat craru.

    Atera cosa. Deo no istimo sas armas, nemmancu cando sunt garrigadas a ballas sardas. In prus tenzo unu refudu teoricu, eticu e politicu pro calesisiat forma de natzionalismu, de etnotzentrismu e mescamente de cudda forma de natzionalismu e etnotzentrismu totu nostru chi est istadu e est galu oe su sardismu.

    Custu ti lu podet cunfirmare finas su fatu chi so iscritu (e in custu momentu apo su rolu de presidente) a unu partidu nonviolentu e non natzionalista e mancari gai indipendentista e totu.

    Insomma, tu vuoi che si usi solo il sardo ma al contempo ti senti italiano e ritieni (a torto, mi dispiace insistere su questo punto) di essere parte della storia italiana, solo perché la Sardegna si è ritrovata centocinquant’anni fa dentro il nuovo stato italiano. Io so di non appartenere alla storia italiana (dando per scontato che esista una storia italiana prima del 1861), sono indipendentista e uso molto serenamente l’italiano. Vedi alle volte i paradossi dei processi di identificazione!

    Ah, sono disterradu anche io, se la cosa può servire a rassicurarti circa le mie intenzioni.

    Grazie per il commento. Spero che avremo modo di riparlarne.

Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio)

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: